Lotto 7 - Asta 17 - Antiquariato e selezioni d'Alta Epoca

Base d'asta:
1.600,00 EUR
Offerta corrente:
0,00 EUR


Trittico fondo oro su tavola raffigurante Madonna con a latere i Santi Pietro e Paolo, Sicilia, XV secolo. Pittore siciliano della cerchia di Roberto Di Oderisio. In tavola a punte semigotiche .Cm 45 x 43
Roberto D’Oderisio (1335 ca - Napoli 1386 ca) può essere considerato il più importante artista napoletano sul quale confluisce la cultura giottesca e senese.
La ricerca volumetrica e l’attenzione ai valori cromatici e luminosi sono stati determinanti per la sua formazione, e in particolare nel dipinto in esame, questi elementi sono evidenti e tali da poterlo denominare un epigono trecentesco della scuola giottesca napoletana.
Egli poté attingere a tali conoscenze pittoriche, e farle proprie, in quanto Giotto e alcuni suoi allievi, tra cui Maso di Banco, furono a Napoli tra il 1329-34 per i lavori di Castel Nuovo.
Assorbe la definizione spaziale, soprattutto da Maso e trae suggerimenti per la propria pittura, resa efficace attraverso la stesura di piani di luce, su cui fare risaltare la costruzione di figure, per mezzo di valori cromatici accostati.
Luminosità e composizione equilibrata è quello che scaturisce da questa impostazione e in particolare dall’opera in oggetto.
Nella cancelleria di Roberto I D’Angiò, nella prima metà del XIV secolo, Oderisio è citato quale “familiaris et magister pictor noster”, da ciò si può desumere l’importanza che egli ebbe presso la corte angioina per il suo curriculum di opere. La crocifissione di Eboli, presso la chiesa di San Francesco, è l’unica opera firmata a noi pervenutaci.
ASORstudio



Offerte

Stato lotto:
Asta chiusa

Asta 17 - Antiquariato e selezioni d'Alta Epoca

Orari

Asta online - Fine
19 12 2020 16:00 CET

Asta di sala - Asta live - Inizio
19 12 2020 16:00 CET